COSA CAMBIA ?

Nato il 1 giugno del 1982, il Tfr è una parte dello stipendio del dipendente privato (il 6,91% della retribuzione lorda), che viene accantonata attraverso il datore di lavoro per essere poi restituita al momento della cessazione del rapporto di lavoro. Tale somma può essere richiesta anticipatamente, una sola volta nel corso del rapporto di lavoro e in casi specifici e ben definiti. Con la nascita della previdenza complementare il Tfr è diventato per i lavoratori dipendenti privati la principale forma di finanziamento del fondo pensione. Il lavoratore può scegliere di versare Il Tfr nel fondo pensione o lasciarlo in azienda.

Tale scelta può essere effettuata in un qualsiasi momento a partire da aprile 2015, sarà valida fino a giugno 2018 e non potrà essere modificata.

Chi NON può richiedere il Tfr in busta paga?

  • I dipendenti pubblici, gli autonomi, i liberi professionisti e tutte le altre categorie senza Tfr;
  • I dipendenti privati per cui la legge o la contrattazione collettiva applicata prevede la corresponsione periodica del Tfr (es. personale marittimo in turni particolari) o l’accantonamento presso terzi (es. lavoratori dell’edilizia con Tfr accantonato presso le casse edili);
  • I lavoratori domestici e del settore agricolo;
  • I dipendenti privati di aziende in crisi (procedure concorsuali, piano di risanamento dei debiti iscritto al Registro delle imprese e accordo di ristrutturazione dei debiti);
  • I dipendenti in cassa integrazione straordinaria e in deroga;
  • I dipendenti che hanno un vincolo sul Tfr. Ad esempio che hanno attivo un finanziamento con cessione del quinto dello stipendio senza liberatoria da parte della finanziaria.

Dal momento in cui ricevo il Tfr in busta paga, cosa succede?

Tale somma diverrà normale reddito da lavoro: avrà quindi un aumento in busta paga pagando allo stesso tempo maggiori imposte e comprimendo le detrazioni per lavoro dipendente e per carichi di famiglia.

Cosa conviene fare?

CLICCA QUI

Cosa conviene fare?

CLICCA QUI

Scopri i vantaggi.

CLICCA QUI

COSA CONVIENE FARE?

TFR

  • In busta
  • In azienda
  • nel fondo

Le differenze di tassazione

SCOPRI DI PIÙ

ESEMPIO 1

Simone:

25 anni

Commesso

Reddito di € 18.000

SCOPRI DI PIÙ

ESEMPIO 2

Marta:
42 anni.
Impiegata
Reddito di € 35.000

SCOPRI DI PIÙ

ESEMPIO 3

Francesca:
50 anni.
Quadro direttivo
Reddito di € 50.000

SCOPRI DI PIÙ